La responsabilità di chiamarsi Chiara: quando l’influencer diventa un modello da non seguire

36

In seguito ai numerosi commenti sulla pagina Facebook The Red Moustaches, ho deciso di affrontare un argomento che reputo sia di interesse comune sul web, considerato che parliamo di Influencer da milioni di Follower : oggi parliamo di due It Girl nazionali accomunate dallo stesso nome, Chiara Ferragni e Chiara Biasi.

Influencer Chiara Ferragni Chiara Biasi

Come sono cambiate le Influencer Chiara Ferragni e Chiara Biasi nel tempo

E’ la prima volta che tratto una tematica molto delicata, se conoscete i  nomi sopra citati potete già immaginare dove andremo a parare: l’ eccessiva magrezza che negli ultimi mesi caratterizza le foto postate da queste due Influencer, famose nel web tanto quanto presenti su copertine e spot televisivi; vorrei fermarmi un attimo, e rispondere ad alcune domande che sono nate spontaneamente: in che modo queste ragazze influenzano le migliaia di adolescenti che le seguono? fino a che punto un Influencer è responsabile dei contenuti che condivide? Che ruolo giocano le aziende che le scelgono come testimonial?

Andiamo in ordine,  vediamo come sono cambiate nel tempo visto che il loro aspetto fisico è cambiato proporzionalmente al numero dei Follower che in tutto il mondo non perdono un solo selfie in bikini, i gelati golosi, le insalatine di avocado in pausa pranzo.

Chiara Ferragni

Non starò qui ad elencare i suoi numeri, il perchè o il come si realizzi il suo business, personalmente la seguo dal 2010 e non posso negare che il cambiamento negli ultimi anni è stato più che evidente! Non voglio discutere sulla questione delle sopracciglia folte o sul colore dei capelli più o meno biondo (ognuno è libero di esprimere se stesso tramite il proprio aspetto come meglio crede) ma voglio riflettere sull’eccessivo deperimento che lentamente si consuma su Instagram, documentato dalle stesse foto disponibili su @chiaraferragni

Influencer Chiara FerragniInfluencer Chiara Ferragni 2Nel 2012 Chiara Ferragni firma la sua Capsule Collection per Yamamay su autobus e riviste patinate troviamo una Chiara in forma, considerata la sua altezza e il fisico longilineo, il risultato finale è accettabile nei termini di una ragazza in salute, sana, senza alcun accenno di ossa in evidenza: il viso non è scavato, in generale direi che questo è un esempio di foto che vorrei vedere oggi.

Influencer Chiara Ferragni (2)

Influencer Chiara Ferragni 4Ma lasciamo una splendida Chiara nel 2012 per ritornare ai giorni nostri:  tutte le ossa in evidenza, dalle spalle alle braccia talmente esili e sottili, l’aspetto nel complesso è astenico e non vi è presenza di tono muscolare.

Per quanto sia innegabile l’estrema fotogenia della Ferragni, appare totalmente privo di alcuna espressione, lo sguardo è spento, le guancie scavate.

Influencer Chiara Ferragni

Tuttavia non sono nella posizione di poter puntare il dito, o almeno non sono un medico che può stabilire con assoluta certezza se oggi la nostra Insalata Bionda Nazionale sia nel suo peso ideale, posso solo sperare che il cibo che fotografa alla fine venga anche mangiato, spero per lei che non segua alcuna dieta drastica e che questo deperimento sia causato magari da un periodo di stress. Ciò che spero ancor di più però è che i 4 milioni di ragazzine non crescano con questo modello di donna esile, ossuto al limite dell’accettabile, che la chiave del successo e della popolarità non passi per un fisico denutrito, per un viso spento.

Chiara Biasi

Chiara Biasi rappresenta l’essenza dell’ anti-blogger, spesso leggo interviste dove si definisce una Lifestyle Blogger ma credo che il suo posto ideale sia sulle riviste di Gossip insieme ai fidanzati calciatori; non voglio dilungarmi in lunghi discorsi, e torniamo al focus di questo post: ossa, ossa e ancora ossa per un pugno di Likes.

Influencer Chiara BiasiIn principio (nel 2009) Chiara Biasi era una ragazza che potremmo definire normopeso, guance paffute, una prima misura di seno e tanti selfie anche con l’amica Chiara Ferragni; arriva anche per lei la prima Capsule Collection per un brand di bikini e con questa migliaia di Selfie che mostrano un fisico mediamente magro, ma nulla di eccessivamente allarmante. Fino ad oggi.

Influencer Chiara Biasi 3Influencer Chiara BiasiTra le due foto sopra ci sono circa 2 anni di stacco: se a sinistra l’addome appare piatto, nella foto di destra e nelle due sopra le ossa dell’anca sono sporgenti, il ventre è segnato, il costato in evidenza, il seno è lievitato di circa 2 misure 😉

Ironia a parte, non condanno gli interventi di chirurgia estetica, essere in sintonia con il proprio corpo è fondamentale per stare bene con se stessi e con le persone che ci circondano. Il problema nasce quando un colosso nel settore Beauty la sceglie come Ambassador per un contest online, ho espresso la mia opinione direttamente sulla pagina Facebook interessata, perchè tra tante Influencer a disposizione sul mercato, la Biasi è proprio l’ultima ad incarnare un concetto di bellezza naturale e non artefatta; i lineamenti del viso sono totalmente stravolti rispetto alle foto del 2009, i numerosi interventi tra cui naso, labbra, zigomi e seno avranno aumentato l’ego e il business della giovane Influencer, ma non la stima delle over 25 come me che non trovano alcun interesse nei confronti del Lifestyle Biasi.

Influencer Chiara Biasi 5La domanda che mi pongo è: qual è il messaggio che manda Chiara Biasi nei suoi account da migliaia di K? In pochi anni ha modificato praticamente quasi tutto il suo aspetto fisico, cosa penserebbe un adolescente di 16/17 anni? Oggi più che mai i teen ager sono condizionati quotidianamente dai social network (a differenza mia che ho avuto la fortuna di crescere senza smartphone, quando le foto si stampavano e si sfogliavano a casa negli album),  mi chiedo in che modo una ragazzina alle prese con le insicurezze tipiche dell’adolescenza, elabori queste foto…sono questi i modelli che i figli dei miei amici seguono? Ma se ognuno nei propri profili è libero di postare e condividere ciò che meglio crede, la responsabilità ricade sulle aziende che decidono di veicolare il brand tramite queste figure.

Il ruolo dell’ Influencer e gli adolescenti: le conseguenze

Rabbrividisco quando leggo i commenti sotto queste foto quali ” Sei perfetta” ,” la perfezione” , ” bellissima come fai ad essere cosi?” : io di bello non vedo assolutamente nulla!

Sono curiosa di conoscere la vostra opinione qui sul blog, in tante mi avete scritto su Facebook riguardo la questione Ferragni : in molte avete smesso di seguirla, concordate sul modello negativo che rappresenta oggi per l’eccessiva magrezza condivisa senza alcun filtro.

A tal proposito vi segnalo questo interessante post Non chiamateli Blogger  che  evidenzia le differenze tra Blogger e Influencer, mettendo i puntini sulle i in questo grande spazio che è il Web, sempre in continua evoluzione.

UPDATE 9/7/2015 : Silvio De Rossi ha approfondito l’argomento su   Stylology , se avete ancora due minuti a disposizione date una lettura al suo articolo, ironico e pungente quanto basta per riflettere ancora un istante sull’ argomento Influencer in Italia.

Seguimi anche su Instagram @theredmoustaches

Lascia un LIKE sulla Pagina Facebook –> The Red Moustaches

Puoi seguirmi anche sul mio profilo personale pubblico (clicca su SEGUI)–> Simona Pastore

 

 

 

 

Siciliana di origine Polacca, si trasferisce a Roma nel 2016. Web Content Writer, Storyteller : scrive di lifestyle & viaggi, fotografa molto, la valigia sempre pronta. Calzedonia OceanGirls nel 2014, ha il pallino della moda, in fondo nessuno è perfetto.

Discussion36 commenti

  1. Assurdo come ancora una volta ci troviamo d’accordo.. E senza farlo apposta,fra una passata di smalto e l’altra sto anche io scrivendo a riguardo (Giuro che domani stesso vedrai il mio pensiero)

    Un abbraccio tesoro

    • Simona

      Vado a leggere subito!! L’argomento è sotto gli occhi di tutti ed è giusto esprimere la propria opinione, senza cadere nel personale o su critiche che esulano dall’argomento 🙂 un bacione !

    • Simona

      Ciao Francesca! Le foto si commentano da sole…quando leggo i commenti sotto le foto “Sei la perfezione”, “come fai ad essere così perfetta?” rabbrividisco!
      Un bacione! Torna a leggermi presto 🙂

    • Simona

      Grazie mille Rita! Io avevo letto un post sull’argomento tempo fa sul blog di Clio, ma in questi giorni quando ho visto le foto che ho inserito nel post non ho più resistito! ho sentito la necessità di esprimere la mia opinione 🙂

  2. Credo che l’effetto modello /influencer che analizzi sia devastante sul corpo delle nostre adolescenti e preadolescenti che le prendono come modello, ma il danno peggiore lo fanno alla psiche delle adolescenti non al corpo …tanto da indurle a vere e proprie psicosi.. E ad atteggiamenti che le rende insicure e succubi.. Notano in questi giorni in spiaggia che molte/troppe adolescenti non si presentano in spiaggia se non truccate e abbigliate da discoteca .. Non mangiano e non fanno il bagno per non farsi vedere senza trucco e parrucco ..
    Ciao
    Elena
    Tuttepazzeperibijoux

    • Simona

      Orrore!!E’ proprio di questo che voglio parlare: le conseguenze che queste Influencer hanno sulle adolescenti, bombardate da foto disgustose a mio avviso! Cosa c’è di bello nell’avere tutte le ossa in evidenza? Creano solo disagio, psicosi, insicurezze tipiche poi dell’età.
      Io sono una taglia 40 per 1.70 di costituzione, cerco di mantenermi in forma seguendo un’alimentazione sana e praticando sport, ma non potrei mai negarmi una pizza o un gelato super goloso in nome di una foto scheletrica!Le mie lettrici sanno che mi trucco pochissimo e non uso mai photoshop per ritoccare le mie foto 🙂 Io sono fiera di ciò che sono e vorrei che tutte le donne esaltino la propria bellezza come tratto distintivo della propria personalità ed unicità!
      Un bacione

  3. Ciao, premetto che io seguo chiara Biasi solo per i bikini lovers e non per altro perche come persona non mi piace e soprattutto non mi piace per la strada che ha preso da un po, ossia quella di cui parlano tutti e tu ne tuo articolo…mi trovo d’ accordo su tutto ciò che di ci riguardo a entrambe le “blogger”. Parlo da ex malata di anoressia, e loro a vedere dall’ aspetto ci si avvicinano molto se non ci sono pure dentro.. Loro non lo ammetteranno mai di star male finché qualcuno non glielo farà capire. Per fortuna che ci stiamo accorgendo e magari cosi loro si faranno qualche domanda sul perché pian piano avranno meno gente che le seguono.
    Ciao a tutte e grazie per avere il fegato di esprimere i pensieri anche a nome di molte ragazze che come me si sono accorte della situazione.
    Un bacio

    • Simona

      Il tuo commento è sicuramente il più toccante della giornata! Il timore di trattare un tema talmente delicato, pesare ogni singola parola affinchè il messaggio arrivi dritto a tutte le ragazze come te, come me;non è una colpa seguire un Influencer piuttosto che un’altra 🙂 Ho sentito l’esigenza di affrontare questo argomento perchè ogni giorno su Instagram vedo una Ferragni sempre più scheletrica, sempre meno sorridente, gli occhi spenti.
      Ancora una volta ripeto di non voler puntare il dito “contro“, non ho le competenze di uno specialista per poter affermare se loro abbiano dei disturbi alimentari o meno; il problema nasce quando, ad esempio nel caso della Biasi, ogni singola foto sembri evidenziare ed esaltare la magrezza di cui probabilmente lei stessa è orgogliosa. Non voglio soffermarmi sullo stile di vita o sul Gossip, ma sulle conseguenze che queste foto hanno su milioni di adolescenti! Chi mi segue da tempo sa che non rinuncio ad un gelato ipercalorico, ad una buona pizza, all’aperitivo con stuzzichini poco dietetici 🙂 allo stesso tempo cerco di mantenermi in forma praticando sport, senza alcuna psicosi verso la bilancia!Il tuo messaggio mi rimpie di gioia, grazie per aver condiviso con me e tutte le lettrici del blog la tua storia, torna a trovarmi quando vuoi anche solo per dirmi CIAO 😉 sai dove trovarmi!

  4. un articolo che condivido in pieno.
    Per quanto riguarda Chiara Ferragni, non per giustificarla, ma trovo che la situazione sia totalmente diversa. E’ stata capace di creare un impero, un vero e proprio business e lo ha saputo fare con successo. E’ dimagrita, forse troppo, e cambiata ma, come giustamente dicevi tu, potrebbe anche essere un periodo di stress.
    Per quanto invece riguarda la Biasi, io non ho parole. Non ho parole su come possa essere scelta dalle aziende, non ho parole su come possa essere seguita da milioni di fan, non ho parole su come si definisca lifestyle blogger quando non fa altro che farsi delle foto da anoressica, con calciatori e modelli portando all’esasperazione un mondo che non è reale e tanto meno non è da seguire. Poi ci chiediamo come crescono le ragazzine dei giorni d’oggi? Crescono con questi modelli di vita? Rendiamoci conto che è un mondo sbagliato. Mi auguro solo che le aziende non pensino sempre e solo ai numeri, ma a qualcosa di più importante.
    ottimo post.

    • Simona

      Ciao Giulia, condivido al 100% le tue parole! Credo che il post rispecchi proprio le differenze che hai appena evidenziato: non volevo parlare dei numeri e del lavoro della Ferragni, che ho sottolineato seguo personalmente dai suoi esordi…per la Biasi come darti torto? Mi autocito dicendo che il suo posto è sulle riviste di Gossip nulla più! 😉 Grazie di cuore per i complimenti più che graditi!

  5. Ciao!! Concordo pienamente con ciò che hai scritto. Chiara Biasi la seguivo fino a qualche tempo, poi ho smesso, e come dici tu ha cambiato radicalmente la sua fisionomia estetica del viso ed è praticamente tutta ossa. Anche io mi domando che idea si facciano gli adolescenti che vedono continuamente queste immagini di corpi deperiti, ragazze che fanno ricorrenza alla chirurgia estetica con la stessa frequenza con cui cambiano le mutande…
    Oltre alla Biasi e alla Ferragni anche la Chiara Nasti sta diventando un icona che molte ragazzine seguono, 17 anni con il seno rifatto (sono d’accordo che stare in sintonia con il proprio corpo sia il segreto per stare bene con se stessi e con chi ci circonda, però a mio parere è esagerato… Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole, queste sono solo mie opinioni).
    Sono d’accordo anche quando dici che per mantenersi in forma basterebbe fare un pò di sport (leggevo un tuo commento precedente) e non deperirsi.
    Per il resto ribadisco che concordo pienamente con ciò che hai scritto tu in quest’articolo e con quello che hanno scritto altre persone nei commenti precedenti al mio.

    • Simona

      Ciao Mara! Benvenuta 🙂 Oggi ho ricevuto molti commenti, tra questi diverse colleghe mi hanno attenzionato la figura di Chiara Nasti, la quale avrebbe trovato un degno posto all’interno di questo post. La motivazione per cui non ho voluto inserire Chiara Nasti risiede nel mio totale sgomento per il suo personaggio, mi spiego meglio: l’obiettivo o almeno l’intenzione per cui ho esposto apertamente la mia opinione è quella di non puntare il dito sulla persona o sul suo lavoro, piuttosto trarre uno spunto di riflessione dalle foto che ogni giorno vedo su Instagram, e le relative conseguenze.
      Chiara Nasti rappresenta (per quel che mi riguarda) un pessimo esempio di come un intero nucleo famigliare sfrutti la popolarità di questa ragazzina (mi si spezza il cuore ogni volta che il brand di turno la definisce BLOGGER), per ogni 16 enne che posta un selfie ammiccante e seminudo c’è sempre un genitore (o almeno dovrebbe esserci) che dovrebbe controllare (tutelando la propria figlia in primis) il contenuto che viene condiviso.
      I fattori che alimentano in me un vero disgusto nella figura di Chiara Nasti (sarà una ragazzina come tante altre che ha avuto solo molta fortuna e un certo tempismo) non è tanto lei come persona, ma come la famiglia alle spalle abbia acconsentito ed alimentato tutto ciò che lei rappresenta ora.
      I soldi sono sempre un ottimo deterrente, ma a tutto c’è un limite!E non parlo del seno rifatto, piuttosto lo stile di vita che questa Influencer veicola tramite i propri account: considerata la mole di impegni è evidente che non va a scuola ( avrà optato per una privata spero), gira per il mondo da Los Angeles a Londra per shooting ed eventi quasi fosse la normalità, trasmette dei valori (li possiamo definire così?) lontani anni luce dalla realtà quotidiana di un qualsiasi adolescente.
      Recentemente ho visto su Facebook numerosi concorsi di bellezza per “diventare una Fashion Blogger”, dove siamo arrivati? Fino a che punto vogliamo illudere milioni di adolescenti che posare in costume da bagno e una coroncina in testa non farà di te una Fashion Blogger?
      Che ruolo hanno i genitori di Chiara Nasti? L’argomento è fin troppo ostico e credo il suo caso avrebbe totalmente deviato l’attenzione dal focus del post, personalmente sono intransigente verso questo personaggio! I tempi sono cambiati?Si, in peggio.
      Spesso vedo ragazzine di 16 anni vestite da Veline mancate, svettare su Microcar, in mano l’ultimo Iphone e scattare selfie alla guida 🙁 Continuo a sperare che non tutte gli adolescenti siano così, non tutte seguono l’esempio di Chiara Nasti o sognano una vita come la sua!
      Ti aspetto presto per commentare insieme i prossimi post 🙂 Grazie per aver condiviso il tuo pensiero!

  6. Pingback: Io, Chiara e lo scuro degenero web - Stylology.it

  7. perdonatemi ma io tutto questo accanimento non lo capisco….premetto che io non sono in disaccordo con voi anzi!!! solo che penso che di certo a influenzare le adolescenti non siano queste due tipe in quanto sicuramente sia la biasi che la ferragni a loro volta sono solo vittime di un sistema che è cosi ormai da troppi anni il problema sono gli stereotipi che abbiamo di modelle, di attrici, di personaggi molto più in vista che di queste due ragazze che sono soltanto molto malate e fanno delle loro pagine web un rifugio nel quale scappare dal mondo…. il messaggio che mandano di certo a vista di qualsiasi ragazza non credo proprio che sia la perfezione perchè parliamoci chiaro la prima cosa che vogliono le adolescenti prima di essere 20 chili sono due belle tette e loro sicuramente non fanno vedere ciò!!!! sono solo povere ragazze che hanno bisogno di aiuto e non credo che sia questo il modo più giusto….

    • Simona

      Ciao Greta!Benvenuta 🙂 mi spiace che tu legga dell’accanimento nelle mie parole, non era assolutamente un attacco mirato verso Chiara Ferragni o Chiara Biasi come persone, bensì volevo trarre uno spunto di riflessione su ciò che personalmente penso quando vedo certe foto.
      Su alcuni punti però, permettimi di dissentire: la Ferragni lavora da moltissimi anni, nell’esempio della campagna Yamamay del 2012 puoi notare come il suo fisico sia totalmente differente dalle foto postate recentemente, pensi che se avesse 2/3 kg in più non lavorerebbe più? ha 4 milioni di follower e un giro di affari di 8 milioni di dollari! Per quanto concerne il discorso Biasi, le tette le mette bene in mostra eccome!Ti consiglio di dare uno sguardo alla sua Gallery Instagram per verificare: le foto sono quasi tutte incentrate su ossa, gambe e addome scheletrici e ben in evidenza! Mi trovi nuovamente in disappunto riguardo il messaggio che viene percepito dalle adolescenti…basta leggere i commenti sotto le foto della Biasi per trovare un riscontro nelle mie parole.
      Non cadiamo nel tranello del discorso “povere ragazze che si nascondono nelle loro pagine web”, loro con queste pagine guadagnano molto di più di quello che possiamo immaginare.
      A tale riguardo sto scrivendo un post che riguarda le influencer di pari livello e business che non hanno bisogno di mettere in mostra una fisicità emaciata e poco sana. Torna a leggermi presto, sono curiosa di conoscere la tua opinione! Ti aspetto 🙂

  8. Bravissima. Mi hai letta nel pensiero. Io forse sarò anche un po’ di parte avendo un Fitness Blog 😉 Le ragazzine che possono essere già fragili seguendo queste Blogger di sicuro non vengono aiutate ma anzi spronate a comportarsi come loro, perchè credono che solo così potranno essere popolari. Perchè diciamolo… al giorno d’oggi è importante questo, invece nella vita c’è ben altro a cui pensare e a cui aspirare 😉 Io ne so qualcosa 😉

    • Simona

      Ciao Vanessa! Un Fitness blog wow! Passerò presto a leggerti allora, io sono un Dott. in Scienze Motorie di primo livello,ma di tempo per allenarmi nell’ultimo mese ne ho avuto davvero poco 🙁 Quando partecipo ad un evento la prima cosa che mi chiedono è quanti follower hai? quanti k? Io rispondo sempre che ho tantissimi follower, 3.000 su Instagram e 3000 su Facebook, niente paragonati a certi Influencer anche della mia città; ma io non sono una modella, sono una Blogger e pertanto i miei feedback sono dati da tutte voi che mi scrivete sul blog, che mi leggete e condividete il mio pensiero 🙂 per me è come se fossero 3 milioni!Lavoro seguendo esclusivamente il mio stile, ciò che reputo sia interessante per me e per i miei lettori, indipendentemente da quanti likes possa ricevere una mia foto su Instagram, perchè anche una singola foto deve rispecchiare ciò che sono e che amo, se poi piace anche meglio, ma non deve diventare un’ ossessione, o motivo di stress. Un bacione torna a trovarmi presto!

  9. Ciao, leggiamo per caso questo tuo interessante articolo e con piacere scopriamo il tuo spazio nel web :).

    Siamo due “blogger nuove” (ci viene appunto difficile definirci così ancora..), e seguendo queste due icone in qualche modo, da tempo.. riusciamo a trovare del vero nelle tue parole. Indubbiamente parlando della Ferragni, è evidente la differenza di peso negli ultimi anni, sinceramente la testa sembra quasi sproporzionata al corpo e abbiamo notato come molti commenti sul suo account instagram siano concordi con quello di cui parli tu. Inoltre, senza parlare di peso, come hai detto tu, il suo sguardo è spento e praticamente uguale in ogni suo selfie. Ormai è schiava del suo stesso sistemae forse magari, è stanca anche lei.. Comunque ottimo spunto di riflessione. Ci voleva davvero visto che ogni volta, i pensieri di ognuno di noi sembrano quasi essere in disaccorto con molte ragazze che le considerano icone di bellezza. È bello vedere che qualcuno che ha visto il problema c’è.
    Complimenti.

    Un bacio, Monica & Tatiana.

    AMBITION OF STYLE

    • Simona

      Ciao ragazze! Piacere di conoscervi e benvenute sul mio blog! Qual è il sottile confine per cui si identifica una Blogger con una modella? Personalmente seguo molte Fashion Influencer per il loro stile, qualità che contraddistingue una Fashion blogger da una qualsiasi modella; grazie per i complimenti, ho fatto del mio meglio per trattare l’argomento con le dovute precisazioni.
      Vi aspetto nuovamente sul blog 🙂 Grazie per aver condiviso la vostra opinione!

  10. finalmente ho il tempo di leggere il tuo post, mi trovi d’accordo praticamente su tutto. La cosa che mi mette più tristezza sono gli occhi della Ferragni, sono proprio spenti, sorride ma è totalmente l’ombra di se stessa ormai. All’inizio mi piaceva molto, ora la guardo con un’ansia incredibile, non so a quale stress sia sottoposta ma forse fermarsi un po’ e concentrarsi sulla salute non sarebbe una cattiva idea. Più che altro mi chiedo: ma la famiglia e gli amici non fanno nulla? Non vedono quanto è dimagrita? Non capiscono che non è affatto una magrezza “naturale”? Sinceramente trovo che sia allarmante, a prescindere dal modello che può dare agli altri, sta facendo innanzitutto un torto a se stessa.

    • Simona

      Ciao Francy! Non possiamo avere la certezza che la Ferragni abbia un problema di salute, ma il fatto che il suo fisico sia cambiato nel tempo è un dato sotto gli occhi di tutti. Trovo anche io che il suo sguardo sia decisamente cambiato, mi colpisce come sia priva di alcuna espressione in quasi tutte le foto; propabilmente il suo team è più concentrato nel business da alimentare continuamente piuttosto che sulla sua forma fisica!Sono felice che il post abbia suscitato l’interesse di tante ragazze che condividono il mio stesso pensiero 🙂 Anche io come te la seguo dai suoi esordi nel 2009, che dire staremo a vedere fin quanto regge i ritmi lavorativi decisamente al di fuori dal comune! Io seguo con piacere altre Influencer Internazionali come Kristina Bazan o Alexandra Pereiro e trovo che non siano cambiate poi così tanto nonostante lo stile di vita sia lo stesso, dai viaggi alle collaborazioni, per questo non trovo sia una scusa valida il fatto che Chiara Ferragni si adegui agli standard delle Case di Moda…continuerebbe a lavorare senza problemi anche con qualche kg in più non pensi?

  11. Seguivo la ferragni quando ha iniziato, e stava con il manager/fidanzato .. Poi puzza di finzione, e infatti….adesso non solo non passo più dal suo blog ma vengo assalita da un senso di schifo quando per caso mi appare qualche suo scatto : è tutta testa! Non ne è rimasto più niente, e lo schifo mi viene perché so che alcune sue followers/ragazzine la imitano ai limiti dell’assurdo. Sta lanciando un messaggio negativo.
    L’altra chiara a me sembra una velina mancata 🙂 lei almeno, si riempie con il silicone !!!

    • Simona

      La conseguenza dell’eccesiva magrezza è la sproporzione nel complesso: il viso è scavato, e la testa sembra più grande rispetto al corpo; la mia riflessione voleva soffermarsi proprio sui commenti che leggo sotto le loro foto, a dir poco allarmanti! Per ogni ragazza che rinuncia ad un gelato o ad una pizza con gli amici in nome di una fisicità alla Ferragni, è una sconfitta. Ma se ognuno nei propri social è libero di condividere i contenuti che meglio reputa opportuni, ciò che mi fa venire la nausea sono le aziende che le scelgono come testimonial, le stesse aziende che poi creano linee di abbigliamento Curvy o che promuovono un concetto di bellezza naturale! Probabilmente è un cane che si morde la coda, ma se le stesse aziende cambiassero direzione a partire dalla scelta delle testimonial forse qualcosa potrebbe cambiare…

  12. Non le seguo molto e non mi fanno impazzire.
    Spesso (non nel tuo caso, sei stata molto brava a precisare) si è affrettati nei giudizi, non si considera che alcune persone sono magre e mangiano poco per attitudine naturale e non per costrizione.
    Nel caso di queste due blogger però la differenza tra il prima e il dopo è lampante. Secondo me il viso – più del corpo – parla chiaro: nel caso di eccessivi dimagrimenti è il primo a perdere tono.

    • Simona

      Ciao! Grazie per aver condiviso la tua opinione! Che entrambe le Chiara siano di costituzione longilinea non ci sono dubbi, ma il cambiamento e la perdita di peso degli ultimi anni è evidente! Qualsiasi sia la motivazione, ciò che più mi preoccupa sono i numerosi commenti di adolescenti sotto le foto, nulla più! Per il resto ognuno è libero di condividere le foto che preferisce nei social, così come vivere la propria fisicità come meglio crede 😉 Torna a leggermi presto!

  13. Da “esperta” (poichè ci sono passata e ci passo tutt’ora) nel campo dei disturbi alimentari io sono quasi certa che queste due ragazze siano seriamente a rischio di vita. E’ veramente scandaloso come ostentino questa magrezza in maniera così naturale, come se fosse la normalità pesare (nella migliore delle ipotesi) 40 chili x 170 cm . Ogni volta che guardo le loro foto divento triste e veramente vorrei poterle dare quell’aiuto che non è stato dato a me, spero che siano seguite da medici e familiari. Spero che il ragazzo della Biasi la aiuti piuttosto che osannarla per la sua bellezza, perchè quella non è bellezza ma sofferenza, ma lei , molto probabilmente, non se ne rende conto dato che naturalmente posta foto di un corpo scheletrico che urla e cerca aiuto. Se e quando avrò una figlia (ho 22 anni), spero che abbia l’intelligenza di non seguire questi modelli e di non farsi rovinare la vita dai media, spero non sia tra quella folla di ragazze di 12-13-14-15 anni che applaudono queste “blogger” come “corpi perfetti”. Postare sui social quelle foto è come postare foto di un braccio tagliato o con cicatrici: è la stessa forma di autolesionismo, perchè spaventarci davanti a una lametta e una cicatrice e non farlo davanti a questi corpi?

    • Ciao Martina, grazie per aver condiviso la tua opinione. Mi spiace leggere queste tue parole, spero la tua situazione personale possa evolversi nel migliore dei modi e recuperare al 100% la tua salute. Probabilmente quando e se avremo dei figli (io ne ho 30 di anni) magari saranno cambiati questi stereotipi di bellezza, in ogni caso mi impegnerò a trasmettere loro i valori di salute e rispetto per il proprio corpo, accettare se stessi è il primo passo per il raggiungimento di un equilibrio psico fisico di ogni adolescente. Buona fortuna e torna presto a leggermi 🙂

  14. Pingback: Wake me up when September ends: cosa resterà dell’estate 2015? -Sicilia in Rosa

  15. questo post mi era sfuggito..
    la Biasi mi sembra migliorata sinceramente, prima era una ragazza come tante, adesso la vedo valorizzata, è magra sì ma la vedo tonica e non sofferente
    la Ferragni invece un disastro com’è adesso, sono scioccata, era da tanto che la seguivo, da quanto è andata in America non mi piaceva più il suo stile, la trovo completamente deperita e poi anche il trucco, i capelli oh magari sono io che non capisco niente e sono più cooool così, ma per me era decisamente più bellina bionda e truccata in modo classico
    a parte questo ormai il suo blog praticamente non esiste più, è una specie di raccolta di articoli generici..un vero peccato, se fossi stata in lei sarei rimasta in Italia e magari mi sarei specializzata in qualcosa, una professione della moda vera e propria, ma non le scarpe che fa che ritengo di gusto discutibile..

    • Ciao Sonia, grazie per aver condiviso la tua opinione 🙂 l’argomento ha suscitato molto interesse tra le mie lettrici, tornerò presto a scrivere di argomenti simili che possano coinvolgere sempre più donne e creare un bel dibattito costruttivo.
      Il fenomeno delle web influencer è attuale ora più che mai, nel mio post volevo semplicemente evidenziare i cambiamenti fisici che in molte foto sono più che evidenti, in entrambi i casi reputo le due Chiara siano in salute ma sicuramente non al meglio della propria condizione fisica.
      In ogni caso come ho già scritto nel post non sono un medico per valutare, era uno spunto di riflessione specialmente per tutte le adolescenti che le idolatrano. Buona giornata 🙂 torna a leggermi presto sul blog, ti aspetto!

  16. Pingback: come diventare blogger: ciò che devi sapere se vuoi creare un blog -Sicilia in Rosa

  17. Pingback: Challenge made in China: A4 Waist Challenge #Iphone6knee e #100YuanWrist -Sicilia in Rosa

  18. Pingback: Challenge made in China: A4 Waist Challenge #Iphone6knee e #100YuanWrist -Sicilia in Rosa

Leave A Reply